fbpx

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO, Search Engine Optimization) dovrebbe andare di pari passo al progetto di realizzazione di un sito web che una qualsiasi piccola e media impresa stia pensando di realizzare. Se l’impresa non sta investendo sufficientemente in SEO, il rischio che si corre è quello di avere anche il più bel sito del mondo, ma invisibile agli occhi dei potenziali clienti.

Quando invece la SEO è fatta correttamente, l’imprenditore può notare da subito volume di traffico all’interno del sito web, crescita del brand e di conseguenza un ritorno economico.

Se inizi una attività senza la giusta strategia di visibilità online, i tuoi competitor avranno campo libero e ti ruberanno sicuramente potenziali clienti, visto che ormai, la strategia della visibilità è diventata una delle parti fondamentali per il successo di un qualsiasi business, sia esso B2B, sia B2C.

In questo post voglio mostrarvi alcune strategie e consigli SEO per piccole medie imprese che, se pensate a monte, possono aiutare il vostro business a decollare.

COS’E’ LA SEO PER LE IMPRESE?

La SEO o ottimizzazione per i motori di ricerca, è il processo di ottimizzazione che rende il tuo sito indicizzato e visibile agli spider dei motori di ricerca. Gli spider, principalmente parliamo di Google Bot, sono dei “programmini”, spider appunto, che girano il web alla ricerca di siti e catalogandone i contenuti (vedi questo articolo per un approfondimento).

Una strategia SEO di successo comprende l’utilizzo di diversi elementi chiave del marketing. Applicandoli e gestendoli al meglio, è possibile vedere risultati positivi dopo poco tempo sia in termini di traffico che di ritorno di investimento.

  • Ricerca delle parole chiave – Questo è il processo di studio delle parole chiave che i tuoi potenziali clienti andranno a cercare sul motore di ricerca per sopperire a un loro bisogno. Trovare le giuste parole chiave, relative al tuo business, ti permette di creare contenuti utili per i tuoi potenziali clienti. La ricerca di parole chiave per contenuti dovrebbe essere attuata seguendo un flusso, restando sempre aggiornati e cercando contenuti che le persone cercano online seguendo i trends.
Keyword Planner - Alessandro Massi
La schermata del Google Keyword Planner
  • Copywriting – Se i testi del tuo sito sono confusionari e dispersivi, il visitatore se ne andrà per non fare mai più ritorno. Se invece i tuoi contenuti sono ben scritti e organizzati, interessanti ed esplicativi, i tuoi utenti saranno felici di leggere l’intera pagina e magari consigliarla anche ad amici. Puoi leggere il mio articolo su quanto scrivere per un blog per avere una idea di come dovrebbero essere organizzati i contenuti e su quanto dovresti/potresti scrivere per il tuo sito.
    Inoltre se i contenuti sono ben scritti e l’utente resta sul sito ben volentieri per leggerli, questo aumenterà il tempo medio di permanenza sul sito del lettore che, secondo Google, per essere buono deve riportare un valore intorno ai 3 minuti e 10 secondi, perciò è cruciale avere dei contenuti ben organizzati e scritti per avere più traffico sul tuo sito web.
  • Content Marketing – una strategia marketing si basa spesso sulla scrittura di post per il blog, ognuno ottimizzato per una particolare parola chiave, che hanno il semplice scopo informativo per i tuoi utenti. Il consiglio che posso darti per quanto riguarda il content marketing è quello di creare una serie di post che portano ad una landing page creata ad hoc ed ottimizzata per una parola chiave molto competitiva. In questo modo si creerà una rete di post che convergono sulla pagina e che rendono il sito facilmente navigabile sia per gli utenti che per i crawler dei motori di ricerca, il che avrà un effetto sicuramente positivo per quanto riguarda i risultati in SERP.
  • Link Building – parametro fondamentale per creare la rete di contenuti all’interno del tuo sito web. La link building è l’insieme di link interni ai contenuti del tuo sito ed esterni ad esso, che puntano magari ad altri siti più autorevoli del tuo stesso settore, in modo da aumentare il rank e la popolarità di Google. La strategia infatti si basa sul poter ricevere link da siti più autorevoli del tuo, in modo da farci notare dagli spider di Google che aumenteranno così il nostro rank nelle SERP.
  • User Experience – altro fattore di molta importanza riguarda la user experience del tuo sito. Se esso risulta essere lento, con difficoltà nella navigazione, gli utenti andranno via dal sito e questo è fattore di downgrade da parte dei motori di ricerca e per questo ti suggerisco di ottimizzare bene ogni singolo file, sia esso una immagine che una pagina, per evitare caricamenti troppo lenti.
  • Local SEO – la SEO per la tua città di riferimento. Una buona strategia di Local SEO dovrebbe essere attuata a tutti coloro che vogliono far emergere la propria attività nelle vicinanze o nella città dove si opera. Pensate ad esempio ad una pizzeria. Una buona strategia di local SEO aiuterebbe a far trovare prima il proprio locale a chi sta cercando una pizzeria nella propria città.

PERCHE’ DOVREBBE IMPORTARTI?

Senza una strategia SEO efficace, il tuo sito farà fatica ad emergere tra i risultati di ricerca. Anche per una attività basata su ricerche locali, senza una strategia Local SEO sarà difficile ottenere risultati. Prima le persone giravano per la città alla ricerca dell’articolo che gli interessava, ora aprono un app e cercano tutto online – l’86% delle persone utilizzano uno smartphone per navigare.

Il 51% del traffico proviene dalle ricerche sul web, quindi è importante investire ed avere in mente una strategia SEO in mente già dalla partenza del vostro business online.

ED ORA VENIAMO AI CONSIGLI

Consiglio 1: concentrati sulla SEO Tecnica.

La SEO tecnica è il processo di ottimizzazione della struttura del tuo sito, cosi che gli spider possano leggere correttamente il codice delle pagine e possano indicizzare correttamente il sito. Anche se i tuoi contenuti sono ottimi, devi controllare se il codice del sito è pulito, se le pagine caricano velocemente e se i link funzionano tutti.

Questi aspetti è meglio affidarli a chi è competente di SEO e soprattutto a chi ha competenza in ambito di programmazione web, che abbia conoscenze di HTML e PHP. In questo modo potrai affidargli la sicurezza del tuo sito, l’ottimizzazione delle immagini, la velocità del sito e la struttura dei dati. Se però vuoi provare ad affrontare questi aspetti da solo per il tuo business, dovresti avere almeno questi accorgimenti:

  • Crea una sitemap e inviala a Google – devi segnalare a Google la presenza del tuo sito nella rete e puoi farlo attraverso l’invio di una sitemap tramite Google Search Console, oppure, se non sei troppo pratico ed utilizzi WordPress come CMS per la realizzazione del tuo sito, puoi utilizzare plugin gratuiti (ma non troppo) come ad esempio Yoast SEO, che realizza per te la sitemap e la invia a Google attraverso il collegamento tra il plugin e il tuo profilo di search console.
  • Attento alle pagine vecchie che non generano traffico – se hai vecchie pagine che non generano traffico, rivedine i contenuti in modo da poterle aggiornare lavorandoci un po su.
  • Attento ai link “rotti” – le pagine che restituiscono errori 404 sono l’incubo peggiore di ogni SEO. Presta attenzione ai link del tuo sito, controlla che siano tutti funzionanti e ripara quelli che portano ad una pagina 404.
  • Ottimizza le immagini – ricorda sempre di alleggerire le immagini che inserirai all’interno del tuo sito, fai in modo che non pesino molto, ricorda che la maggior parte degli utenti naviga attraverso uno smartphone! Presta attenzione anche a come le rinomini.

Prestate attenzione a questi passi e vedrete già i primi risultati. Se invece non avete tempo ne risorse da dedicare o se semplicemente volete essere sicuri di effettuare un lavoro corretto, non abbiate paura di rivolgervi ad un professionista e vedere cosa lui può fare per voi.

Consiglio 2: concentrati sulla SEO Locale.

Almeno un terzo delle ricerche fatte su smartphone sono basate su ricerca locale. Quando andiamo a scrivere sul motore di ricerca “ristoranti vicino a me” o anche solo “ristoranti”, l’algoritmo di Google ricerca e restituisce i risultati, grazie alla geolocalizzazione, dei ristoranti vicini alla posizione di chi sta effettuando la ricerca.

Uno dei passi fondamentali per la Local SEO è la creazione di una pagina su Google My Business, prestando attenzione a compilare tutti i campi richiesti e a creare dei contenuti per la scheda.

Google My Business Alessandromassii.it
La mia pagina Google My Business

Consiglio 3: trova le keyword che i clienti potrebbero cercare.

Il miglior modo per trovare le parole chiave per il tuo sito e la tua azienda è vedere cosa i tuoi potenziali clienti stanno già cercando sulla rete. Poi, una volta trovato cosa i tuoi potenziali clienti cercano online, puoi creare contenuti ad hoc per rispondere alle loro domande e ai loro bisogni.

Fortunatamente ci sono dei tools molto utili che ti permettono di scoprire cosa le persone cercano online con più frequenza. Tra questi, il più facile ed immediato è Google Suggest, ossia l’auto-completamento di Google quando si inizia a scrivere sulla barra di ricerca, oppure altri tools come il Keyword Planner.

Consiglio 4: Ottimizza la SEO on-page.

Continuiamo con strategie e consigli SEO per piccole medie imprese definendo il quarto, importantissimo suggerimento. L’ottimizzazione del sito on-page. Si tratta non solo di avere ottimi contenuti, ma anche di organizzare benissimo la loro struttura. Vediamo nello specifico come:

  • Ottimizza titoli e sottotitoli – I tuoi titoli sono fonte di attrazione al click da parte dell’utente e anche uno dei principale fattori di ranking nelle SERP. Il “click-through rate” è il tasso di conversione di visitatori che vedendo il tuo titolo, finiscono per cliccare sul link. Deve essere qualcosa che attiri l’attenzione e che non sia troppo lungo, circa 60 caratteri, poiché altrimenti chi visualizza il titolo da mobile, rischia di non vedere tutto il titolo, perdendo magari l’interesse alla lettura di tutto l’articolo.
  • Usa i giusti header – i tuoi header possono essere ottimizzati in modo da contenere le parole chiave per le quali stai cercando di posizionarti. Inoltre, avere header concisi, aiuta il lettore a capire da subito di cosa si sta parlando, facilitando la lettura e rendendo il sito più veloce e scorrevole, cosa che piace a Google.
  • Fai attenzione ai meta tags – i meta tags sono spazi adibiti alla descrizione del contenuto della pagina per i motori di ricerca. Inserendo una giusta descrizione, contenente le parole chiave, è possibile far capire ai motori di ricerca di cosa parla la pagina, facilitandone l’indicizzazione.

Consiglio 5: Semplifica il tuo contenuto.

Avere una giusta strategia di marketing comprende anche questo, ossia trovare il modo di risparmiare tempo e risorse, cercando la migliore strada per semplificare il contenuto dei tuoi post. Avere un calendario editoriale, trovare i giusti contenuti, studiare le parole chiave e scrivere un bel testo può richiedere tempo che spesso chi fa business non ha.

  • Utilizza i video nei tuoi post – un video cattura di molto l’attenzione dell’utente. Gli utenti del web ne sono voraci! Spesso realizzare un video ti porta via meno tempo rispetto a scrivere un post e questo può aiutarti quando il tempo a disposizione è poco.
  • Sfrutta tutti i canali Social – Non affidarti solo al posizionamento e alla ricerca organica ma sfrutta i social come Facebook, Twitter e Instagram per sponsorizzare i tuoi post e i tuoi contenuti. Qui, riallacciandosi ai video, puoi sfruttarne a pieno le potenzialità, girando piccoli video e stories, che colpiscono in pieno l’attenzione del cliente.

Consiglio 6: Aumenta la tua autorità grazie ai link.

Avere altri siti che linkano al tuo aumenta la reputazione che Google assegna al tuo sito. Questo perché l’algoritmo di Google riconosce la quantità e la qualità dei link verso il tuo sito e in base a questi fattori ne determina se il sito può essere rilevante per un utente oppure no.

Per creare una strategia di link per una attività locale ad esempio, un passo da fare è quello di avere link di contatto su giornali online della stessa città, pagine di eventi, notizie, bloggers…qualsiasi sito (di qualità) che può linkare al tuo e fa parte della tua stessa città.

Avere inoltre delle recensioni positive da parte di queste testate aiuta di molto ad aumentare la nostra notorietà agli occhi di Google, che ci mostrerà sempre più in alto nelle SERP.

Spiare la concorrenza aiuta in questo fattore, facendoti capire da dove stanno arrivando i link dei tuoi competitor e cercando di replicare, migliorando, la loro strategia.

CONCLUSIONI

Ci sono tantissime altre cose da attuare e tenere a mente quando si fa SEO ma in questo articolo, volendovi offrire strategie e consigli SEO per piccole medie imprese, ho racchiuso quelli che devono essere i principali passi e fattori da tenere a mente quando si vuole attuare una strategia di marketing mirata a dare visibilità ad una azienda.

Ricorda sempre che il processo non è mai immediato e che spesso i risultati si vedono anche dopo mesi di lavoro, ma questo non vuol dire che non arrivino. Se vuoi richiedere una consulenza gratuita per il tuo business e il tuo sito e vuoi emergere dal fondale del mare di internet con la tua azienda, ti invito a utilizzare il modulo che trovi nella pagina contatti del mio sito per richiedere un appuntamento. In questo modo una volta capite le tue esigenze, potrò studiare e trovare la giusta soluzione per il tuo business.

Se sei arrivato a leggere fin qui e l’articolo ti è piaciuto e lo hai trovato interessante, ti prego condividilo sui social in modo da farlo girare. Non dimenticarti di iscriverti alla newsletter per ricevere aggiornamenti e guide gratuite per il tuo business!


Iscriviti per rimanere sempre aggiornato con news e guide gratuite!

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per attivare tutte le funzionalità del sito. Cliccando su "Accetto" aderisci alla la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per il corretto funzionamento del sito è necessario salvare questi cookie sul browser.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • 1P_JAR
  • 1P_JAR
  • APISID
  • CONSENT
  • CONSENT
  • HSID
  • NID
  • SAPISID
  • SEARCH_SAMESITE
  • SID
  • SIDCC
  • SSID
  • __cfduid
  • __cfduid
  • _biz_flagsA
  • _biz_nA
  • _biz_pendingA
  • _biz_uid
  • _mailmunch_visitor_id
  • cfmrk_eucookiebanner
  • cfmrk_userLangRedirect
  • cookie_notice_accepted
  • mailmunch_second_pageview
  • mp_a36067b00a263cce0299cfd960e26ecf_mixpanel
  • optimizelyEndUserId
  • redux_current_tab
  • redux_current_tab_get

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi